• Title: Dylan Dog n. 339: Anarchia nel Regno Unito
  • Author: Gigi Simeoni Roberto Recchioni Giampiero Casertano Angelo Stano
  • ISBN: null
  • Page: 150
  • Format: Paperback
  • Dylan Dog n Anarchia nel Regno Unito Dopo il pensionamento di Bloch nuovi eventi intervengono a cambiare l assetto di Scotland Yard e la vita dell Indagatore dell Incubo Entra in scena l ispettore Carpenter e su suo ordine a Dylan vie
    Dopo il pensionamento di Bloch, nuovi eventi intervengono a cambiare l assetto di Scotland Yard e la vita dell Indagatore dell Incubo Entra in scena l ispettore Carpenter e, su suo ordine, a Dylan viene ritirato, una volta per tutte, il vecchio tesserino di poliziotto Come se non bastasse, inoltre, l Indagatore dell Incubo viene portato in manette alla centrale di PoliziDopo il pensionamento di Bloch, nuovi eventi intervengono a cambiare l assetto di Scotland Yard e la vita dell Indagatore dell Incubo Entra in scena l ispettore Carpenter e, su suo ordine, a Dylan viene ritirato, una volta per tutte, il vecchio tesserino di poliziotto Come se non bastasse, inoltre, l Indagatore dell Incubo viene portato in manette alla centrale di Polizia, mentre, nelle strade di Londra, esplode la rivolta

    One Reply to “Dylan Dog n. 339: Anarchia nel Regno Unito”

    1. Terzo numero del nuovo corso di Dylan Dog, e conosciamo quelli che diventeranno gli interlocutori ufficiali di Dylan nelle forze dell'ordine: Tyron Carpenter e Rania Rakim.La storia vede da un lato la brusca presa di coscienza di tutto ciò da parte di Dylan, assalito di punto in bianco dalla polizia in casa sua, con l'ispettore Carpenter che fa perquisire la casa in cerca di prove contro di lui (tipo un vecchio distintivo mai restituito) e che sembra avercela parecchio con il nostro Old Boy rit [...]

    2. Non male. La storia della reincarnazione del leader popolare è ben gestita. Dylan maneggia Google "like a pro". Il nuovo ispettore sembra un veterano americano della Lockheed Martin addestrato direttamente da Bush figlio, ma attendo ancora qualche mese per vedere come va. Il politically correct c'è ma non pesa. Inquietante vedere Bloch in borghese nelle ultime pagine.

    3. Era importante questo numero: non per l'ingresso di Carpenter, nuova spina nel fianco di Dylan Dog, ma per la prima sceneggiatura di Simeoni, che sue ottime prove nell'horror Bonelli le ha già date altrove. Ebbene: voto pieno per un numero che ha un ritmo spettacolare, e catapulta il lettore in una situazione interessante nel suo essere paradossale, risolta con semplicità e logica. Ecco, solo la risoluzione avrebbe potuto essere un po' meno veloce. Magari 10 pagine in più sarebbero servite a [...]

    4. A vida para Dylan Dog não ficou facilitada com a reforma do velho inspector Bloch. Os seus sucessores na Scotland Yard são-lhe abertamente hostis, e decidem fazer as suas apresentações a Dylan com um mandado de prisão, acusando-o de charlatanice. No entanto, enquanto Dylan é algemado, Londres irrompe em tumultos, com o espírito de um antigo combatente pelos direitos laborais, injustamente assassinado pela justiça, a possuir centenas de pessoas que, pegando em armas, sitiam e atacam os ag [...]

    5. Ghost's revenge spacciata per nobile quanto caotico intento. Da Simeoni mi aspetterei che la cosa sia voluta ma l'intreccio è pasticciato oltre misura (la parte migliore - l'assalto a SY che richiama altra carpenteriana memoria - si conclude in un attimo) e diverse trovate si rivelano tutt'altro che riuscite (basti pensare alla brutta gestione della caratterizzazione estetica dei rivoltosi). Difficile empatizzare per la vittima, spogliata di ogni sensibilità e resa mero veicolo utile ad innesc [...]

    6. che delusione!!! Questo non e' Dylan Dog! Dove sono il surreale e il romanticismo che rende questo fumetto unico e speciale?La storia ha degli spunti interessanti ma i personaggi (sopratutto Dylan Dog) sono piatti e monotoni.Avevo letto tempo fa che ci sarebbe stato "un nuovo Dylan Dog" uhm, se questa e' la nuova strada che stanno prendendo vuol dire che perderanno un bel po' di fans e io saro' la prima.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *