• Title: Le confessioni d'un Italiano
  • Author: Ippolito Nievo
  • ISBN: 9788882461355
  • Page: 404
  • Format: Paperback
  • Le confessioni d un Italiano Compiuto da Nievo nel il romanzo usc postumo nel e si impose subito ai lettori italiani L ottantenne Carlo Altoviti ripercorre la propria esistenza dall infanzia quasi magica nel castello d
    Compiuto da Nievo nel 1858, il romanzo usc postumo nel 1867 e si impose subito ai lettori italiani L ottantenne Carlo Altoviti ripercorre la propria esistenza dall infanzia quasi magica nel castello di Fratta, alla maturit gravata dalla malattia e dall esilio londinese Intrecciata alla vicenda personale scorre la storia del nostro Risorgimento un affresco dentro il quCompiuto da Nievo nel 1858, il romanzo usc postumo nel 1867 e si impose subito ai lettori italiani L ottantenne Carlo Altoviti ripercorre la propria esistenza dall infanzia quasi magica nel castello di Fratta, alla maturit gravata dalla malattia e dall esilio londinese Intrecciata alla vicenda personale scorre la storia del nostro Risorgimento un affresco dentro il quale si muove una galleria animatissima di personaggi tra cui spicca la figura appassionata dell amata Pisana Uno dei romanzi pi belli della letteratura italiana, qui presentato in edizione critica e con un vasto commento.

    One Reply to “Le confessioni d'un Italiano”

    1. Pur trovandosi da molto tempo nella mia libreria, questo romanzo non mi aveva mai particolarmente attirato, fino a quando qualche mese fa non ho letto dei passi del primo capitolo: mi aveva molto incuriosito sia il soggetto trattato sia lo stile di scrittura, che avevo trovato molto scorrevole. Ho deciso così di dargli una chance, ed è stata sicuramente una delle scelte più felici di quest'anno.Ho trovato Le confessioni d'un italiano un romanzo storico meraviglioso. I. Nievo si è dimostrato [...]

    2. I feel like the elderly alcoholics who bemoan, "I can't put the booze away like I used to anymore." As for me, I can't purge through unknown 900+ page novels anymore. I could care less about Calvino, but I was impressed that the author wrote this book before he was thirty, also managing to die in a shipwreck at 29. Some day.

    3. Dove tuona un fatto, siatene certi, ha lampeggiato un'ideaHo iniziato a leggere questo libro senza grandi aspettative, più che altro trascinato dalle mie amiche del GdL, ed invece ho scoperto un grande romanzo, ingiustamente trascurato e che andrebbe ricordato tra i grandi della letterature italiana dell’Ottocento. Probabilmente, l’unico neo è la lingua che è oggettivamente ostica. Chissà se anche Nievo avesse risciacquato i suoi panni nell’Arno….Attraverso i ricordi di Carlo Altovit [...]

    4. Il grande capolavoro della letteratura italiana dell'OttocentoQuesto romanzo è immenso: è un poderoso affresco storico, è una delle più commoventi storie d'amore che siano mai state scritte, è l'Italia, è un compendio filosofico, è il ricordo di una lunga vita scritto da una persona che sembra averne vissute dieci, e che invece perì a trent'anni! Narrato in prima persona, il romanzo ripercorre quasi un secolo di storia di Venezia e dell'Italia fra Sette e Ottocento. I primi capitoli, est [...]

    5. Mi ero ripromessa di scrivere qualcosa a fine lettura, ma come posso esprimere in semplici parole quello che si prova per un libro che mi ha conquistata pian piano, pagina dopo pagina, che mi ha fatto ridere, sorridere, commuovere quasi fino alle lacrime (e mi succede raramente di sentirmele bruciare negli occhi per un libro) e che mi ha dato molto anche su cui fermarmi a riflettere? Ecco, non credo di esserne in grado, ma volevo almeno provarci. Il grande romanzo che Nievo ha buttato giù in so [...]

    6. Romanzo straordinario, che induce fatalmente a fantasticare su quello che non è stato e a quello che sarebbe potuto essere se Nievo non fosse morto troppo presto. Quasi certamente sarebbe stata diversa la storia della letteratura italiana, probabilmente sarebbero state diverse la cultura italiana, la scuola italiana e persino gli italiani. Esaltazione dell'impegno civile e della capacità di mettersi in discussione, le Confessioni ci regalano anche la Pisana, uno dei pochi personaggi della lett [...]

    7. Dalla caduta della Repubblica di Venezia a il 1848: un romanzo formidabile, fra le avventure di Carlo e della Pisana. Bellissima e appassionante anche la storia di Lucilio e Clara. Un classico intramontabile, sempre utile per un ripasso di storia molto in modo molto figurativo e interessante.

    8. I loved this book! The narrator is so endearing and it provides a real glimpse into daily life during Italian unification It was LONG and dragged at times but on the whole very interesting and well written.

    9. This is a book to curl up with on a dark and stormy month or two, or three or more. Luckily in Seattle we are well furnished with those. This even out-hefts my recent Dostoyevsky mountain climbs (Crime and Punishment, The Idiot) in that with Fyodor you have the ADHD narrative surge, along with a lot of dialog. With "Confessions of an Italian", you have an 80-something looking back on his life from his pseudo-feudal childhood to post 1848 revolutionary Italy. There isn't a lot of dialog or narrat [...]

    10. Che meraviglia! Un grande Romanzo di formazione, personale e nazionale. Splendido splendido splendido.

    11. Ho letto questo romanzo all'università. Ad ogni capitolo, con due pensieri fissi. Primo: altro che Manzoni (pur amando i Promessi). Altro che Lucia, questa Pisana è una donna vera. Secondo: che cos'altro ci avrebbe lasciato Nievo se non fosse morto?

    12. Epic historical novel, too long but nevertheless affecting, with interesting facts about the emerging Venetian republic in the early 19th century.

    13. Se il suo autore lo avesse risciacquato in Arno appena un po’ (tanto per togliere le meno potabili fra le espressioni arcaiche o dialettali) e si fosse ricordato che anche la punteggiatura è importante evitando di tralasciare qualche virgola di troppo, questo monumentale romanzo, invece di finire quasi dimenticato, avrebbe il posto che si merita nella storia della letteratura italiana. Perché nel suo scorrere torrenziale ci sono la passione (amorosa e politica) e il tradimento, la meschinit [...]

    14. Le confessioni d'un Italiano non è un romanzo risorgimentale, bensì IL romanzo risorgimentale nazionale. Scritto fra il 1857 e il 1858 e articolato in ventritré densissimi capitoli, il romanzo ci conduce per l'Italia e per l'Europa (ma anche, nelle ultime pagine, oltreoceano), illustrandoci le prime, fondamentali tappe del percorso verso l'unità della nostra nazione. Seguendo la crescita e l'invecchiare di Carlo Altoviti, appartenente ad una nobile famiglia di Fratta avviata ormai alla decad [...]

    15. Ok, non sono neanche riuscita ad arrivare al capitolo undicesimo come la prof aveva dolcemente ordinato Signur, davvero questo libro non mi è piaciuto neanche un po'!!! Per fortuna dopo il primo capitolo la storia almeno acquista un senso, se non fosse che 'sto cavolo di Carlino ogni tanto parte per la tangente e non ce la fa a concludere il pensiero!!!!! Stupidissimo Carlino. -.-"

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *